Loading...

Vi siete mai chiesti perché vi piacciono i film? 

Qual è il motivo per cui ci abbandoniamo ad essi e siamo pronti a credere a delle storie di fantasia estraniandoci per un paio d’ore dalla realtà?

La chiave di tutto è la sceneggiatura.

Una buona sceneggiatura, solitamente quella del cinema di entertainment, si basa su degli stilemi fissi imprescindibili frutto di secoli di esperienza drammaturgica.

Per comprendere bene tutti i paletti fondamentali utili a redigere una sceneggiatura che funzioni, dobbiamo risalire il fiume fino ad Aristotele.

Il filosofo nella sua Poetica analizza  la tragedia e l’epica soffermandosi sui punti fondamentali che ne determinano l’influsso sul pubblico.

Noi affronteremo il discorso rifacendoci alle derivazioni in termini di paragone della Poetica aristotelica, quelle fondamentali che determinano il successo della cinematografia hollywoodiana.

Ci sono tre libri di testo la cui assimilazione è fondamentale per la comprensione della relativamente  nuova applicazione della drammaturgia :  il primo è “L’eroe dai mille volti??? di Joseph Campbell, il secondo è “Il viaggio dell’eroe??? di Chris Vogler e il terzo è “La Sceneggiatura??? di Syd Field.

E’ consigliabile conoscerli tutti e tre per avvicinarsi al mondo del cinema scritto, ma andiamo per gradi.

Tutti i libri citati si rifanno alla cultura dell’eroe archetipale  e all’archetipo in tutte le sue sfumature. Troveremo eroi, mentori, donne fatali, nemici ; noteremo inoltre quanto i libri di testo di introduzione alla stesura di uno script si rifacciano al mito greco nelle dinamiche umane e nelle tecniche narrative.

Gli autori dei tre libri hanno un’idea comune quanto a “ storie “.

Ne esistono effettivamente una trentina di originali e tutto il resto è frutto della derivazione e della declinazione. I giusti elementi messi al posto giusto generano una storia fintamente originale ma che segue le regole fondamentali per la riuscita di un film. Lo spettatore medio, -è garantito-, è come un bambino che vuole ascoltare sempre la stessa storia, la sua complicità con gli eventi narrati lo porteranno ad essere sempre più partecipe, emotivamente parlando.

Basti pensare a quante volte abbiamo visto film o letto storie in cui – “L’eroe è nel suo mondo ordinario quando improvvisamente un cambiamento sconvolge la sua tranquillità, nasce una prova che lui inizialmente rifiuta di assecondare ma poi mosso dalle parole di un mentore o da un evento scatenante, decide di accettare. Nel frattempo si delineano quali sono gli alleati e i nemici, vi è anche una donna fatale per cui l’eroe si batte  eccetera.???

Nelle prossime parti di questa guida approfondiremo i personaggi che compongono una storia e i ruoli che da millenni essi ricoprono nelle storie di tutti i giorni. Una volta presa dimestichezza con il linguaggio -per archetipi- potremo passare alla stesura di una sceneggiatura, valuteremo quali sono i migliori software a pagamento e quelli gratuiti per redigerla e qual è la giusta formattazione per scrivere un prodotto vendibile.

Leggi anche

Condividi l'articolo