Studentessa prodigio crea membrana per il raffreddamento passivo - Skillapp - Web Agency Napoli
Loading...

Una studentessa prodigio inventa una membrana intelligente per il raffreddamento passivo.

IAAC, Barcellona, la giovane Luisa Roth ha realizzato il rivestimento capace di far apparire normale, una vetrata ( come ad esempio quelle degli uffici nei palazzi di vetro, utili a garantire un’illuminazione naturale molto ampia ) ma al tempo stesso renderla un accumulatore di energia pulita passivo.

La membrana della Roth è capace di trattenere l’umidità per sfruttarla a suo piacimento e per via della sua struttura innovativa e totalmente green, è già stata inserita nella lista dei materiali biomimetici che cambieranno il nostro modo di pensare all’eco building.

Il suo nome è Hydromembrane e si tratta di un rivestimento composto da tre strati di silicone elastico di spessore submillimetrico a loro volta collegati a tre componenti di uguale misura di materiale idromorfo – materiale, per intenderci, capace di deformarsi per massimizzare l’assorbimento dell’acqua.

La membrana è in grado di rinfrescare gli ambienti quando la temperatura si alza favorendo in questo modo una climatizzazione del tutto eco sostenibile.

Hydromembrane si comporta come una pelle che risponde alle condizioni climatiche e il suo materiale a memoria di forma, si muove per garantire alti livelli di comfort negli ambienti interni.

Il progetto sperimentale di Luisa Roth non vuole fossilizzarsi esclusivamente sull’edilizia:

la sua ventura applicazione vedrà protagoniste delle linee di abbigliamento auto-raffreddanti capaci di sfruttare i princìpi dell’evaporazione. 

Stay App Tuned!

Leggi anche

Condividi l'articolo