Persino la Cina dice no ai rifiuti esteri - Skillapp - Web Agency Napoli
Loading...

Il Paese, noto importatore di rifiuti ( il 56% di plastica mondiale ) chiude le frontiere al rifiuto estero che troppo spesso contiene materiali pericolosi.

Già da quest’anno sarà stoppato un ingresso di rifiuti per 3,7 miliardi

La Cina ha deciso di chiudere i porti e le frontiere ma non alle persone: il governo ha deciso e comunicato all’Organizzazione mondiale del commercio  (WTO), la sua decisione di non accettare più le spedizioni di 24 tipologie di rifiuti, e lo ha fatto con una campagna contro lo “scarto straniero???.  Il divieto di importazione sarà in vigore dalla fine del 2017 e includerà anche gli scarti generati dalla lavorazione dell’acciaio e del settore tessile.

La motivazione è piuttosto semplice: insieme con plastica, carta e altre materie prime ad entrare nel Paese sono grosse quantità di rifiuti speciali che rendono inaccessibile il riciclo e il riutilizzo.

Lo svantaggio è che poi toccherebbe alla Cina smaltire come proprie tutte quelle sostanze potenzialmente nocive  e non riciclabili, e tutto a scapito del proprio ambiente già messo abbastanza alla prova dall’inquinamento di produzione propria.

La rapida crescita industriale cinese ha accelerato il degrado ambientale costringendo gli enti governativi a lottare per regolare lo smaltimento dei rifiuti. Le città sono coperte da coltri di smog e le falde acquifere sono altamente inquinate.

Con la comunicazione fatta alla WTO la Cina vuole redimersi dal ruolo di grande discarica mondiale anche a scapito di un business ormai avviato.

Lo stato infatti è sempre stato un grosso importatore di scarti: lo scorso hanno ha importato dall’estero circa 7,3 tonnellate di materiali plastici per un valore di 3,7 miliardi di dollari.

I venditori degli scarti industriali sono Giappone, Stati Uniti e Hong Kong e ognuno di essi possiede una fetta del 10 %  del volume complessivo importato.

Da questi Paesi proviene anche la più grossa quantità di carta da riciclo che genera un giro di affari pari a 500 milioni di dollari.

(Fonte Rinnovabili.it)

“Stay App Tuned”

Leggi anche

Condividi l'articolo