Loading...

A realizzarli una start-up indonesiana con un ideale preciso, eliminare e contrastare l’inquinamento generato dalla diffusione della plastica nei mari.

Si chiama Evoware ed è la start-up indonesiana che ha commercializzato la prima variante di bioplastica commestibile da impiegare nell’industria alimentare per combattere l’ inquinamento. In poche parole si tratta di un prodotto totalmente biologico che può trasformarsi in una forma di nutrimento, persino per le creature marine la cui vita solitamente è messa a repentaglio dalla presenza delle plastiche tossiche inquinanti.

Piatti e bicchieri mangiabili

E’ un polimero ottenibile dalla lavorazione delle alghe, inodore e insapore, che può essere lavorato proprio come una plastica. Può addirittura essere stampato con inchiostri di natura alimentare e piegato e fabbricato in forme diverse.

Il prodotto si presta particolarmente per il confezionamento del cibo fast food, come hamburger, patatine e bibite, solitamente serviti in cartone e plastica. L’idea è la stessa messa a punto dalla innovativa start-up britannica che ha inventato la sfera edibile per il contenimento dell’acqua.

Il polimero realizzato da Evoware si è aggiudicato la certificazione HACCP che fa da garante della sicurezza per i prodotti alimentari e se fosse impiegato su larga scala, potrebbe apportare il suo contributo nella lotta alla quantità di plastica che annualmente viene dispersa nei mari di tutto il mondo. Il dato drammatico stima che circa 8milioni di tonnellate di plastica vengano rinvenute nei mari ogni anno.

L’intento di Evoware è anche polivalente da un punto di vista sociale  giacché la coltivazione dell’alga interessata potrebbe migliorare le condizioni di vita di migliaia di contadini potenziali nelle zone più povere del pianeta.

La coltivazione di alghe impiegate per la produzione del packaging edibile, contribuirebbe anche alla riduzione dell’emissione di gas serra, perché le alghe con la loro fotosintesi catturerebbero una buona porzione di CO2 presente nell’atmosfera.

(Fonte Focus)

“Stay App Tuned”

 

Leggi anche

Condividi l'articolo