L’equinozio d’autunno, goodbye estate - Skillapp - Web Agency Napoli
Loading...

Si verificherà alle ore 22.02 e notte e giorno avranno la stessa durata

Oggi è il giorno dell’equinozio d’autunno, l’avvenimento astronomico che segna la fine della stagione  convenzionalmente calda e introduce quella moderata. Il momento preciso sarà alle 22.02 di oggi, venerdì sera.

Non si tratta di un giorno convenzionale, è un evento che coincide con il momento in cui la nostra stella si trova allo zenit equatoriale, ovvero esattamente al di sopra di un osservatore che si trova sulla linea dell’equatore terrestre.

Non è giusto quindi dire che l’equinozio è di per sé un giorno : si tratta del solo istante in cui si verifica questo evento astronomico. Ma nel giorno dell’equinozio d’autunno, in ogni caso, il giorno ha la stessa durata della notte, benché non totalmente, per via di alcune variabili da prendere in considerazione e in ogni caso le stagioni non vedono le loro transizioni sempre il 21 del mese.

L’inizio di ogni stagione è scandito da eventi astronomici precisi, ed esempio l’estate e l’inverno vedono il loro inizio con l’avvento dei solstizi, dove in estate le ore di luce giornaliere sono al massimo e di inverno sono al minimo, mentre primavera e autunno sono introdotte dagli equinozi, in cui le ore di luce e buie della giornata si equivalgono, come abbiamo detto.

Esiste in natura però un fenomeno atmosferico chiamato rifrazione atmosferica, durante il quale la luce del Sole è curvata dall’atmosfera e si manifesta a noi con qualche minuto d’anticipo, cosa che fa allungare le ore di luce facendo venire meno il concetto di equinozio il quale “effettivamente??? potrebbe verificarsi con qualche giorno di ritardo.

In ogni caso solstizi ed equinozi sono determinati dalla posizione della Terra durante il suo moto di rivoluzione intorno al Sole. L’equinozio è il momento in cui la stella rispetto alla Terra si trova in una posizione di intersezione del piano dell’equatore celeste, e quello dell’eclittica. Al solstizio il Sole invece a mezzogiorno si trova alla massima o minima altezza rispetto all’orizzonte.

I momenti in cui questi avvenimenti si verificano possono variare per via della scoordinazione nella durata dell’anno effettivo solare e quello del calendario, che poi è il motivo per cui abbiamo creato gli anni bisestili, in un certo senso per mettere in pari i momenti astronomici con i nostri parametri di misura.

Nel nostro Paese la primavera è prevista per il 20-21 marzo, l’estate tra il 20 e il 21 giugno, l’autunno (reale) tra il 22 e il 23 settembre e l’inverno tra 21 e 22 dicembre, e quest’anno nello specifico l’inverno cadrà il 21 dicembre alle ore 17.28.

“Stay App Tuned”

Leggi anche

Condividi l'articolo