La vernice solare australiana che muta l’umidità in idrogeno - Skillapp - Web Agency Napoli
Loading...

Il team di lavoro della RMIT University hanno creato una soluzione sintetica capace di produrre idrogeno dal vapore.

Le idee alla base del progetto sono rendere la produzione di idrogeno economica, semplice e sicura. Alla RMIT si sono posti questi obiettivi e un team di ricercatori ha dato alla luce una vernice solare a base di materiali sintetici,  la quale sarebbe in grado di assorbire il vapore acqueo e trasformarlo in ossigeno o in idrogeno.

Questa ricerca è stata pubblicata su  ACS Nano, la rivista ufficiale della American Chemical Society, ed è ancora in fase embrionale ma per Torben Daeneke e il suo team di lavoro i risultati sarebbero molto incoraggianti. Il loro prodotto, questa vernice, contiene un composto che agisce come gel di silice, un polimero già impiegato per assorbire umidità, ma a differenza di questo gel il nuovo materiale denominato molibdeno solforato, è capace di agire anche in qualità di semiconduttore intervenendo con la scissione delle molecole d’acqua in idrogeno e ossigeno.

Daeneke spiega:  “Abbiamo scoperto che miscelando il composto con particelle di ossido di titanio si ottiene una vernice capace di assorbire la luce???

L’ossido di titanio a differenza del molibdeno solforato, è un composto famoso per le sue qualità.  Esso è infatti impiegato come catalizzatore foto arrivato in reazioni di ossidazione dei composti organici.

“L’ossido di titanio è un pigmento bianco che viene già comunemente usato nella pittura murale, il che significa che la semplice aggiunta di questa nuova vernice può convertire un muro in uno strumento di recupero energetico???. “Il nostro nuovo sviluppo ha una’ampia gamma di vantaggi???, ha aggiunto il ricercatore. “Non c’è bisogno di acqua pulita o filtrata per alimentare il sistema. E qualsiasi posto che abbia vapore acqueo nell’aria può produrre carburante???.

Per adesso non  è ancora stata enunciata l’efficienza del processo e bisogna sottolineare che la ricerca stessa lascia in dubbio certe questioni come quella della conservazione dei gas che è uno dei principali problemi da risolvere. Tra le ipotesi più fattibili ideate dagli studiosi ci sarebbero delle membrane trasparenti in silicone con le quali bisognerebbe rivestire il substrato verniciato. Questo consentirebbe alla luce di passare ma tratterrebbero l’idrogeno senza problemi.

Leggi anche

Condividi l'articolo