L’ Agenzia Spaziale Europea ha in mente di edificare un avamposto permanente sulla Luna - Skillapp - Web Agency Napoli
Loading...

Furono per primi i russi a lanciare una missione lunare ma i primi a riuscire effettivamente nell’impresa furono – com’è noto – gli americani.

“Oggi il nostro satellite naturale continua a suscitare interesse, ad essere il fulcro di numerose ricerche??? conferma anche Johann Dietrich-Wörner, direttore generale dell’ Agenzia Spaziale Europea.

Il sogno della realizzazione di una stazione lunare aperta ai diversi stati membri dell’agenzia è animato dalla medesima passione che ha portato l’uomo a tentare l’allunaggio nel lontano 1969.

“Saranno coinvolti americani, russi, cinesi, indiani, giapponesi e altri Paesi con contributi minori ???

Secondo Wörner i dettagli non sono ancora molti ma l’entusiasmo è alle stelle – letteralmente.

All’inizio dello scorso febbraio al Centro Astronautico di Colonia, si è tenuto un workshop su come edificare un villaggio lunare dedicato allo studio e allo sfruttamento dei metalli e dei minerali rilevati nel suolo di KREEP ( Pietra Lunare ).

La Luna infatti è ricca di ogni sorta di risorsa minerale ed è persino presente del ghiaccio a entrambi i poli. “Vi sono inoltre aree molto vaste perennemente illuminate e la cosa renderebbe la luna un posto quasi ospitale per un team di studiosi più o meno esteso???.

Ne è sicuro Bernard Foing, direttore del Gruppo Internazionale di Lavoro per l’esplorazione lunare.

“ Ma ci sono anche molti ostacoli??? continua “ radiazioni cosmiche e solari, micro-meteoriti, temperature estreme, tutte complicazioni abbastanza serie???.

Secondo Aidan Cowley, ricercatore dell’ Agenzia Spaziale Europea, per stanziarsi sul nostro satellite naturale bisognerebbe edificare delle biosfere protettive.

Potrebbero volerci altri vent’anni per vedere realizzato il progetto a una forma embrionale che avrà il nome di Luna 27, un avamposto frutto di una collaborazione tra l’ Agenzia Spaziale Europea e Roscosmos, l’agenzia spaziale russa.

L’ Agenzia Spaziale Europea pertanto non è l’unica ad avere in progetto lo studio lunare, la Cina ad esempio pianifica di portare sulla Terra una porzione ingente di Kreep il prima possibile, la Russia stessa progetta un lander robotico e infine la Nasa prevede il lancio di una capsula orbitante di nome Orion entro il 2020.

Leggi anche

Condividi l'articolo