Loading...

Tra il 2005 e il 2016 in Africa, ben 84 episodi di siccità in 34 nazioni hanno portato morte e carestia.  FAO : bisogna intervenire per aiutare il continente a creare misure rafforzative per l’agricoltura.

Lavorare alla creazione di mezzi di sussistenza equivale a salvare vite umane. Per tale proposito è necessario investire nella resilienza degli agricoltori. Il suggerimento della FAO è categorico e il suo portavoce Josè Graziano Da Silva lo è altrettanto durante il seminario internazionale sulla siccità tenutosi a Roma nella sede dell’organizzazione. Solo in Somalia nel 2011 sono morte 250.000 persone per mancanza d’acqua, mancanza che ha generato fame e carestia. Sono numeri considerevoli paragonabili soltanto ad un altro flagello umanitario: la guerra.

“ La gente muore perché è impreparata all’eventualità di una carenza eccessiva d’acqua??? ha spiegato Da Silva “i mezzi a disposizione di queste popolazioni non sono abbastanza forti???.

Il problema principale è la mancanza di una misura preventiva. Le calamità, i fenomeni metereologici che comportano disastri di tale portata sono sempre stati affrontati dopo la loro venuta. La soluzione secondo Da Silva risiederebbe nel concetto di prevenzione anziché cura.

John Mutowa, Ministro dell’Agricoltura in Nambia ha spiegato che è necessario sapere quando ci sarà un episodio di siccità, per affrontarlo con i giusti mezzi e le giuste soluzioni.

Il seminario tenutosi a Roma aveva lo scopo di sensibilizzare ulteriormente la spinta internazionale volta alla risoluzione del problema principale che in Africa porta alla fame e all’instabilità politica ed economica.

Per Approfondire clicca qui

“Stay App Tuned”

Leggi anche

Condividi l'articolo