Loading...

Una startup israeliana ha realizzato un prototipo di valigia capace di seguire ovunque il legittimo proprietario

Secondo Alex Libman, fondatore della NUA Robotics, potremo presto dire addio alle nostre pesanti valigie e borse da viaggio. La sua azienda ha messo a punto il primo trolley robotizzato capace di spostarsi al seguito del suo legittimo proprietario, il tutto in completa autonomia, come un cane o giù di lì.

Il trolley è collegato tramite sistema bluetooth allo smartphone del viaggiatore e con l’ausilio di una microcamera riesce a tenere traccia in ogni istante della sua posizione. Ma non è finita qui : il trolley è anche capace di precedere il suo proprietario o di camminargli delicatamente di fianco.

Il prototipo di questo oggetto non è una gioia per gli occhi, per coniugare estetica e funzionalità ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma l’oggetto offre delle funzionalità davvero peculiari. La robo valigia può ad esempio schivare da sé gli ostacoli ed è capace di allarmarsi nel caso in cui qualcuno provi a rubarla.

Lì alla NUA hanno pensato a tutto. Se il dispositivo dovesse smarrirsi sarà la sua funzione gps integrata a lavorare alla ricongiunzione col proprietario, e lo farà inviando allo smartphone di quest’ultimo un segnale con le dovute coordinate.

Liebman spera di commercializzare il prodotto entro un anno ma il prezzo è ancora in fase riservata così come i dati relativi all’autonomia di funzionamento.

Presto la tecnologia di NUA R. si presterà anche ad altri utilizzi: dalla robotizzazione dei carrelli nei supermercati ai dispositivi per disabili.

(Fonte Focus. )

“Stay App Tuned”

Leggi anche

Condividi l'articolo